Poesia – A papà

Pensi a chi somigliasti e somigli
A quel corpo sempre più magro,
Il viso scavato
e gli occhi sempre più dolci,
che cercano di adattarsi alla luce
che a poco a poco si spegne.

Ne vedi l’angoscia e la fatica
Ne riconosci il lampo gioioso
di ricordi ed affetti.
Di amicizie, quelle vere.
Del loro valore, l’insegnamento più grande.
Come l’accettare e il non mollare mai; nonostante tutto.

Ora che cala il sole, il sole che sei stato,
e stringi le mani di chi hai amato
e di chi ti ha amato,
non avere paura.
La tua vita è stata un capolavoro.

Buon viaggio Pa, ci si sente in giro.
17/08/2017


Quadri correlati:
Death Rebirth Hope

Logo Bramba Crazy e Art

Credo che la gentilezza, l’arte, la bellezza, le leggi naturali siano la strada per la felicità. 

Vorrei riuscire a scrivere un quadro e disegnare una poesia. 

Link Utili

Privacy Settings
Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza durante l'utilizzo del nostro sito web. Se stai utilizzando i nostri Servizi tramite un browser puoi limitare, bloccare o rimuovere i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser web. Utilizziamo anche contenuti e script di terze parti che potrebbero utilizzare tecnologie di tracciamento. Puoi fornire selettivamente il tuo consenso di seguito per consentire tali incorporamenti di terze parti. Per informazioni complete sui cookie che utilizziamo, sui dati che raccogliamo e su come li elaboriamo, consulta la nostra
Youtube
Consenso per visualizzare il contenuto da - Youtube
Vimeo
Consenso per visualizzare il contenuto da - Vimeo
Google Maps
Consenso per visualizzare il contenuto da - Google